Cosa vedere in Provincia di Varese: la ValleOlona e il Seprio, Cultura

Il Monastero di Torba

Il Monastero di Torba, oggi bene FAI, è uno dei luoghi storici meglio conservati della provincia di Varese. La sua origine risale al quinto secolo, quando era un punto difensivo. A partire dall’ottavo secolo divenne un centro religioso delle monache benedettine mentre dal Quattrocento venne essenzialmente abbandonato. A partire dal 1976 è gestito dal FAI, che ne ha curato il recupero. Esso sorge inoltre lungo il nuovo percorso ciclo-pedonale battezzato Via Francisca del Lucomagno.

MONASTERO DI TORBA | Bene FAI

Area Archeologica di Castelseprio

Vicino al Monastero di Torba, tra i paesi di Castelseprio e Gornate Olona, sorgono il complesso monumentale di Santa Maria Foris Portas e le rovine dell’antica Seprium. Questa località era importante già al tempo dei romani e fino al 1200 Seprium era il capoluogo del cosiddetto Contado del Seprio, territorio che comprendeva gran parte della provincia di Varese e porzioni dell’AltoMilanese, del Comasco e del Canton Ticino. Ancora visibili oggi sono i resti del castrum, dela basilica di San Giovanni Evangelista e della Chiesa di San Giovanni.

Itinerario nel Medioevo - VareseNews - Foto

Il Monastero di Cairate e la Fonte di Manigunda

Il paese di Cairate ospita il Monastero di Santa Maria Assunta. Esso fu fondato nel 737 dalla principessa longobarda Manigunda in seguito ad una prodigiosa guarigione. Si narra inoltre che il Barbarossa abbia dormito nel monastero la notte prima della Battaglia di Legnano. Tra Cairate e Solbiate Olona, lungo la scarpata della Valle Olona, si trova poi la Fonte di Manigunda. Secondo la leggenda questa fonte avrebbe guarito Manigunda ed è ancora oggi avvolta da un’aria di mistero.

Ex monastero di S. Maria Assunta in Cairate - Archiloco

Centro Storico di Castiglione Olona

Diverse volte Castiglione Olona è stato definito “isola di Toscana in Lombardia”. Questo a causa delle straordinaria ricchezza di opere d’arte che si possono rinvenire nel suo Centro Storico. Tanta ricchezza si deva al cardinale Branda Castiglioni, originario di Castiglione e legato pontificio, oltre che grande mecenate. Nell’arco di vent’anni ( 1422-1443) Castiglioni fece costruire la Collegiata, dove lavorarono artisti come Masolino da Panicale. Oggi a Castiglione Olona si possono visitare il Museo Civico Branda Castiglioni e il Museo della Collegiata.

Coronavirus, a Castiglione Olona il primo contagiato

Dintorni di Castiglione Olona

Vicinissimo sorge il piccolo nucleo di Gornate Superiore, paesino rurale con una bellissima atmosfera bucolica. La strada che conduce da Gornate Superiore a Castiglione Olona presenta nello scendere la valle del fiume Olona una serie di ripidi tornanti, assolutamente inusuali in ambito non montano ed è perciò chiamata “piccolo Stelvio”. Sempre a Nord di Castiglione, verso Morazzone e Lozza sorge inoltre un altro piccolo borgo: Caronno Corbellaro. Esso è circondato da un verdeggiante pianoro, luogo perfetto per passeggiate.

PARCO RTO Sovracomunale Rile Tenore Olona

Castello di Fagnano Olona

Uno dei castelli meglio conservati del Varesotto. Fu edificato da Gaspare Visconti, a cui Carlo V aveva attribuito il titolo di Conte di Fagnano. Il motivo ornamentale più presente è quello a “denti di sega”, tipico dei castelli viscontei di pianura.

Castello Visconteo (Fagnano Olona) - Wikipedia

#cosavederenelvaresotto #valleolona #seprio #greenlifeblog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.